Cucina sarda

Ricette della Cucina sarda


Antipasti

Funghi impanati (Antunna impanada)

Difficoltà: Media

Preparazione: 15 minuti

Cottura: 15 minuti

Dosi: per 4 persone

Ingredienti:

400…

Primi

Culurgionis con ripieno di carne

Un primo piatto tipico della tradizione culinaria sarda, a base di carne e pasta fatta in casa. Una pietanza…

Secondi

Cordula ai piselli

Un piatto a base di interiora di agnello tipico della tradizione sarda, dal gusto intenso e piacevole….


Cucina sarda

prodotti sardegna

La gastronomia sarda è una di quelle particolarmente attaccate alla tradizione, custode di abitudini antiche, in un certo senso arcaica. Questo rispetto per la tradizione è stato determinato da diverse condizioni; prima fra tutte l’amore degli isolani per la propria cultura e per le proprie abitudini gastronomiche, ma anche la lontananza da influssi culinari altri.

Inoltre l’economia sarda è rimasta fino a tempi recenti a carattere prettamente agro pastorale. Dunque prodotti alimentari sempre uguali e assenza di innovazioni che hanno imbalsamato la cucina, rendendola ancora oggi sorprendentemente simile a ciò che doveva essere secoli addietro.

Piatti antichi e frugali quelli sardi, che ebbero come primi artefici pastori spesso lontani da casa e contadini, e che dovevano rispondere alle esigenze di questi. Quindi pietanze semplici da trasportare, da conservare e da tagliare. Gli influssi successivi, borghesi, pur tentando un ingentilimento di questi piatti saporiti e forti, li hanno modificati in maniera prettamente collaterale.

Legata per lunghi secoli al ciclo delle stagioni, la gastronomia isolana si è basata da sempre su prodotti rurali, sani e tipici del territorio, che si incontravano in ricette schiette. Il sapore deciso delle pietanze oltre che alle capacità delle massaie sarde, è però da imputare principalmente agli ottimi prodotti che la terra produceva e produce, coltivati ieri come oggi a sole, vento e fatica.

Ma quali siano i prodotti tipicamente usati dalla cucina di Sardegna, è presto detto. Immancabile è il pane e le farine, il latte e i formaggi. Una triade pressoché perfetta. A questa si deve associare il profumo degli arrosti, le verdure coltivate nell’orto e gli animali da cortile.

Di notevole importanza inoltre, soprattutto per le culture costiere, sono stati i prodotti figli del mare che in incontro sapente con altri ingredienti hanno dato origine a piatti eccezionali. Un esempio fra i più illustri è la bottarga, nota anche come l’oro di Sardegna, frutto di lavorazioni complicate e lunghe, la cui tradizione non si è mai persa.

Indimenticabili inoltre i vini sardi, particolarmente decisi e corposi, custodiscono il mistero del forte sole e delle lunghe e belle stagioni, e impreziosiscono le tavole isolane di colore, profumo e allegria.

Ma ciò che più di tutto sorprenderà della cucina sarda è la sua varietà. Ogni località, ogni paese, ogni zona è caratterizzata da piatti tipici, estremamente differenti per fattura e tipo di consumo, che contribuiscono a creare una gastronomia originale e sfizziosa.


Ricerca per ingredienti: aceto aceto vino bianco acqua aglio agnello albumi alloro arancia arselle arselle bianche basilico bottarga brodo brodo di carne buttariga carciofi carote chiodi di garofano mandorle cipolla cipolle coratella agnello cozze farina farina di ceci fave secche favette fichi secchi foglie basilico lievito di birra limone menta noci olio pane carasau pane grattugiato pecorino pomodori prezzemolo sale semola spaghetti strutto uova zafferano zucchero