Cucina sarda

Ricette della Cucina sarda


Minestre e brodi

Ogni famiglia sarda fino a qualche decennio addietro possedeva un piccolo orto di proprietà. E’ per questo che gli ortaggi hanno avuto tanta importanza all’interno della gastronomia isolana, partecipando alla creazione degli antipasti, dei primi piatti e soprattutto regalando un sapore eccezionale alle minestre e ai brodi locali.

Le minestre di verdura e minestroni sono un primo piatto cucinato in tutta l’isola, con varianti anche notevoli. Risultano particolarmente gustosi quelli arricchiti con il fisciu, formaggio acido del nuorese, o con il guanciale e lardo immancabili nelle dispense campidanesi.

Protagoniste delle zuppe e minestre sono sicuramente le cipolle, il sedano e le povere quanto gustose fave. Con i cavoli e le parti meno nobili del maiale soprattutto nel Nord della Sardegna si cucinano  piatti dal gusto particolarmente deciso come ad esempio la  Cauladda Sassarese. Anche se l’utilizzo delle spezie nella cucina sarda è davvero ridotto, sono molto amati e impiegati nella preparazione delle minestre i così detti aromi, prelevati dall’ampio campionario delle erbe selvatiche raccolte nella campagna circostante il villaggio. Aroma principe della cucina isolana è certamente il finocchietto selvatico usato per aromatizzare non solo zuppe e minestre, ma anche carni e primi piatti.

Oltre alla minestra di verdure, ruolo importante è rivestito dal brodo di carne, pietanza principe della tradizione gastronomica dell’isola. Quando parliamo di carne non possiamo che riferirci alla comunissima pecora sarda. Il brodo di carne di pecora è un piatto robusto e saporito dal gusto forte e deciso e caratterizza soprattutto la cucina Nuorese delle feste spesso legate alla vita pastorale. La festa per la tosatura ad esempio era accompagnata da banchetti a base di carni arrosto e brodi di pecora. Il brodo, squisito, era arricchito  con patate  verdure varie e con su filindeu , una pasta particolare costituita da un intrecci di finissimi fili, più simile a un tessuto che ad una pasta.

Molto più delicato nel gusto è su brodu de pudda, il brodo di gallina, spesso insaporito e arricchito da pasta fina e formaggio.

Non di rado nei brodi sardi compare anche la carne di bue, mista ad altre. E’ ad esempio l’ingrediente principale de su ambulau, minestra caratteristica del campidano cucinata con midollo di bue e semola. Si tratta di una pietanza particolarmente gustosa, sostanziosa, e unica in molte tavole contadine.

Fa parte della tradizione anche la zuppa di pesce, capitolo  a parte ma non meno importante.  Famosissima e particolarmente amata la cassola una zuppa di pesce cucinata in tutta l’isola con tantissime varianti. A variare sono soprattutto i pesci che vengono utilizzati. In alcuni casi si tratta di molluschi e frutti di mare, in altri di pesci quali gli scorfani, le anguille, i  muggini, le seppie etc.


Ricerca per ingredienti: aceto aceto vino bianco acqua aglio agnello albumi alloro arancia arselle arselle bianche basilico bottarga brodo brodo di carne buttariga carciofi carote chiodi di garofano mandorle cipolla cipolle coratella agnello cozze farina farina di ceci fave secche favette fichi secchi foglie basilico lievito di birra limone menta noci olio pane carasau pane grattugiato pecorino pomodori prezzemolo sale semola spaghetti strutto uova zafferano zucchero